vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Morra De Sanctis appartiene a: Regione Campania - Provincia di Avellino

Chiesa di San Rocco

Fu costruita dopo la peste del 1656 per ringraziare il santo dello scampato pericolo. La chiesa era di stile finto romanico, con navata centrale e due navate laterali. Nel 1773 fu rifatta ed ampliata. Nel 1952 fu restaurata e dipinta con colori ad olio. Diroccata dal terremo del 1980 è stata ricostruita dalla Soprintendenza. Sulle navate laterali sono state appoggiate i matronei, che prima non c’erano. È andato perduto l’altare antico, il quadro sotto il soffitto, dipinto da Francesco De Ponte nel 1912, raffigurante l’Incoronata con S. Rocco e S. Vito e la statua di S. Francesco Saverio. San Rocco è il protettore di Morra e da una pergamena del 1666 rileviamo che in quei tempi il 23 agosto, giorno in cui a Morra viene festeggiato S. Rocco, la popolazione procedeva all’elezione di due sindaci. Dopo la ricostruzione la chiesa e la piazzetta adiacente hanno cambiato aspetto. È stato necessario fare una finta facciata che somiglia un po’ a quella antica, ma molto più alta, a causa dei matronei che sono stati costruiti sulle navate laterali. La piazza, che era un tutt’uno con la strada, è stata sollevata davanti alla chiesa. Era tradizione in tempi antichi che i contadini, il giorno della festa di S. Vito portavano gli animali a fare tre giri intorno alla chiesa per preservarli dalla rabbia. È rimasta la tradizione di benedire i panini per farli poi mangiare agli animali.