vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Morra De Sanctis appartiene a: Regione Campania - Provincia di Avellino

Chiesa della Divozione di D. Maria Michela De Paula

Eretta nel 1809 ai piedi del Calvario, all’ingresso del paese, sul sentiero che una volta era la principale via tra Morra e Guardia dei Lombardi. Il piccolo recinto alla sua sinistra fu utilizzato come cimitero nel secolo scorso. Le mura di cinta del cimitero erano fatte ad archi dentro le quali si mettevano le ossa dei defunti. Il pavimento era coperto di lastre di pietra, due botole coperte con lastre di pietre con un anello di ferro al centro portavano ai cunicoli nei quali si calavano le casse con i defunti. Una volta, però, per rimettere in sesto una cassa che non era stata situata a dovere, una persona scese nella fossa e fu tramortito dal gas venefico che si sprigionava dai cadaveri in decomposizione, un altro, sceso per soccorrerlo, fu tramortito anche lui e un altro ancora. Così morirono tutti e tre nel sotterraneo. Dopo quell’incidente, il cimitero venne abbandonato. In quel camposanto furono sepolte Agnese Manzi, la madre di Francesco De Sanctis e la sorella del letterato Geneviéve, che lui ricorda nel suo libro ’La Giovinezza’. Alcuni anni fa fu rubata dal soffitto della chiesa una tela plurisecolare che, tramite Emilia Cipriani, maritata De Paula, proveniva da quell’antica famiglia di Guardia; nell’occasione sparì anche un artistico lampadario in ferro battuto.